Holy EYE

CERTIFIED

MAGAZINE ONLINE DI ARTE E SCIENZA

A Pescara presentazione di Chiudi gli Occhi e Vola: la straordinaria storia dei non vedenti che pilotano gli aeroplani

"Tutto il mondo pensava fosse impossibile, poi è arrivato un pazzo che non lo sapeva che fosse impossibile. E l’ha fatto". È questa la frase chiave del documentario "Chiudi gli Occhi e Vola”, medio metraggio di 40 minuti prodotto da Human Installations, già selezionato in festival in India, Romania e in Germania.  È la storia di Sabrina Papa, cieca dalla nascita con la passione del volo e de “Les Mirauds Volants” Associazione Europea di piloti non vedenti con sede in Francia. Una storia che va oltre il racconto del superamento della disabilità e che diviene dimostrazione della forza di chi sa vivere all’altezza dei propri desideri: tra le nuvole non esistono ostacoli e barriere.

9 Marzo alle ore 10:30 presso Sala Tosti AURUM Largo Gardone Riviera a Pescara, in occasione dell’iniziativa Cielo in Rosa promossa da Aero Club Pescara, sarà presentato in anteprima nazionale il documentario di Julia Pietrangeli che racconta l'incredibile esperienza di Sabrina Papa, prima donna italiana non vedente a pilotare aerei. 

“Da piccola volevo volare, ma non volevo essere come gli uccelli, perché secondo me andavano troppo piano, io volevo essere l’aereo”. Dice ad un certo punto Sabrina, che attraverso il film di Pietrangeli, ci insegna che i sogni (in ogni senso) si esprimono non solo attraverso sequenze di immagini.  Ma come si può permettere ad un cieco di volare? In Italia Sabrina con l’istruttore Sergio Pizzichini vola attraverso un metodo che hanno sviluppato nel corso degli anni: lei ha memorizzato la posizione di ogni comando e pulsante, mentre Sergio seduto sul posto posteriore di un ultraleggero le fornisce indicazioni toccandole le spalle.  In Francia si vola con un dispositivo creato appositamente, il Sound Flyer che, spiega Sabrina, "È uno strumento in grado di rendere un cieco più autonomo possibile ai comandi di un aeroplano. Un computer elabora i dati da un GPS a un giroscopio fornendo l'assetto dell'aereo attraverso un suono che viene mandato in cuffia al pilota non vedente”. 

IL TRAILER

https://www.youtube.com/watch?v=x0GkUXg5J60

Un film profondo che offre numerosi spunti di riflessione riguardo al sogno, inteso non solo in senso onirico (come sogna un cieco?) ma come meta da raggiungere: dal film si esce con uno stato d’animo positivo e la consapevolezza di non avere alcuna scusa per perseguire i propri obiettivi.

Ad un certo punto la privazione della vista è un elemento del tutto secondario: prevale la loro esultanza, gioia pura e consapevolezza di avere una grossa responsabilità che non è solo quella di non dover sbagliare in volo ma di farsi pionieri di un messaggio più profondo di quello evidente e fin troppo esplicito che “niente è impossibile”: l’inclusività passa attraverso il crine di un ago sottile che cuce un tessuto sociale dove sarà possibile considerare consueto che un cieco spicchi il volo.

Julia Pietrangeli è regista, videomaker, autrice, videoartista e performer. Ha collaborato con artisti internazionali e ha realizzato documentari a carattere sociale. Autrici della sceneggiatura Frida Aimme, allieva del maestro Ugo Pirro e l’artista performatica Kyrahm.

9 Marzo alle ore 10:30 Sala Tosti AURUM, Largo Gardone Riviera - Pescara

cartmagnifiercrossmenucross-circle linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram