Holy EYE

CERTIFIED

MAGAZINE ONLINE DI ARTE E SCIENZA

Il Disegno Taumaturgico - Intervista ad Alessandro Scacchia

Il corpo femminile è diventato il mio modo di celebrare la bellezza. Già da bambino amavo disegnare i personaggi femminili dei cartoni animati, me ne innamoravo con l'innocenza che poteva avere un bambino di sette anni. Ora è decisamente una volontà. Il corpo umano ha avuto da sempre un ruolo fondamentale nell'ambito artistico e filosofico, quello femminile per quanto mi riguarda possiede in più un fattore estetico e misterioso che lo rende molto più interessante di quello maschile.

Ogni ramo va da sè
Intervista Cosimo Miorelli

Tante persone vivono la propria vita a lungo e felicemente in passività, e non sempre necessariamente nell’accezione negativa della cosa: altre invece hanno bisogno di vedere una precisa pulsione concretizzarsi, plasmarla e lavorarci sopra. C’è chi sfoga tale pulsione sui figli, chi nell’edilizia, chi nella musica. Nel mio caso è tirare fuori delle storie, mie o anche di altri. Possibilmente delle belle storie. Questo mi fa sentire vivo.

Non crediamo mai di essere qualcun altro
Intervista a DoppioSenso Unico

C'è un luogo della Terra, secondo voi, dove non si fa teatro? Probabilmente nei cimiteri di ermellini a sud di Toronto. O nelle foreste di marmo che circondano la periferia di Zanzibar. Ma anche in molti teatri, spesso.

Dialogo Rotto - Intervista a Luca Buoncristiano

L’immagine mi seduce. Così come sedurre è immaginare. Anche la parola, che è un’immagine, mi seduce. Lavoro tanto sull’immagine quanto sulla parola.

Il medium bastardo
Intervista a VIncenzo De Cesaris

Per quanto mi riguarda l’unico limite del fumetto è che non può materialmente prenderti a pugni in faccia, tutto il resto lo sa fare egregiamente. La peculiarità sta nel rapporto intimo che instaura con il lettore, e nella profondità con cui una buona storia può cambiarti, se decidi di aprirgli il cuore.

La vuoi una striscia? Sci Oh!
Intervista a Marco Calcinaro

Mi piacciono le comic strips o “strisce” se preferisci; mi piace l’idea di poter raccontare una storia in maniera sintetica. Se si riesce ad esprimere il concetto in maniera concisa non vedo perché dilungarsi troppo, incappando nel rischio di diventare noiosi: la noia è il male peggiore di tutti i tempi.

La porta dimensionale
Intervista ad Adriano De Vincentiis

Io amo il disegno puro, il disegno come applicazione diretta della visione, del sogno, della forza creativa. In questa prospettiva, ravviso un appiattimento tremendo del fumetto e del disegno. Onestamente, il panorama artistico mi pare ripetitivo, privo di genio e perfino di talento.

Uno, nessuno, centomila Pluc
Intervista a Fabrizio Di Nicola

Il fumetto a mio avviso ha meno limiti di quello che sembra. Sono decenni che viene periodicamente dato per spacciato e invece continua non solo a restare a galla ma ad evolversi e a stare al passo coi tempi. Staremo a vedere.

Il tempo dei demoni
Intervista a Piero Trabanelli

Ricordo di aver sempre disegnato, sin da piccolissimo. Alle elementari i miei compagni mi chiedevano continuamente se potevo realizzare un disegno per loro. La cosa strana è che a me piacevano i loro di disegni. Ricordo anche che i primi disegni ispirati ai fumetti (sempre negli anni delle elementari) li ho fatti copiando i personaggi della Disney.

Esperimenti sulla carne di carta
Intervista a Tommaso Di Spigna

Il realistico per me deve essere supportato da un rigore e da uno sforzo verso un accademismo che non necessariamente risulti come un’imposizione o un limite, ma piuttosto come studio della regola che poi porti con più semplicità alla sua variazione. Attraverso un buon realismo si può lavorare più semplicemente sulla deformazione.

L'ombra dietro il fumetto
Intervista ad Alberto Dabrilli

Io credo che la sperimentazione sia alla base del progresso artistico di un autore, ma che non debba mai essere fine a se stessa: al contrario, dovrebbe concorrere a perfezionare uno stile fresco e capace di dar spazio all’ingegno. Il genere che amo di piu è il noir, specie se intriso di motivi surrealistici, e spero che in futuro, considerando i molti progetti a cui sto lavorando in questo periodo, io possa svilupparlo con più determinazione.

L'incredibile Huld, l'ultimo figlio di Odino
Intervista ad Ulderico Fioretti

Ulderico Fioretti è un illustratore e un disegnatore di fumetti, che predilige l’ambito narrativo del fantasy. Dopo aver lavorato alla creazione di copertine per la Galaad Edizioni e per l’azienda d’abbigliamento Scorpion Bay, ha esordito con la storia a fumetti della sua eroina ZUNA, nel numero 100 e 119 della storica rivista X Comics (Coniglio Editore). Collabora ad oggi con lo scrittore Dennis Mallonee per Heroic Publishing, disegnando League of Champions e diverse cover per la casa editrice californiana. Con Dennis Mallonee ha creato JAY-NA The Jungle Queen che ha debuttato su “League of Champions #15”. Sempre per la Heroic Publishing ha scritto e disegnato le origini della Regina della Giungla nella graphic novel JAY-NA: NUMBELAN.
1 2
cartmagnifiercrossmenucross-circle linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram