Holy EYE

CERTIFIED

MAGAZINE ONLINE DI ARTE E SCIENZA

Scomposizioni Relazionali - Esce il nuovo libro di Flavio Sciolè

Esce il 5 febbraio 2019 il volume 'Scomposizioni relazionali' del regista e drammaturgo Flavio Sciolè pubblicato dalla casa editrice marchigiana AIMAGAZINEBOOKS. Il libro raccoglie cinque testi teatrali inediti dell’autore tutti incentrati su ‘ipotetici rapporti di coppia’. Il volume è il primo della collana One Shot, l’obiettivo della collana è la pubblicazione di vere opere uniche, sia da leggere che da vedere che abbiano come denominatore comune le visioni e il pensiero dell’evolversi sociale e contemporaneo.

'Scomposizioni relazionali' contiene due testi di Emanuela Cocco e Fabio Massimo Franceschelli. L'opera è completata da sei foto di Emanuele Vagni e Chiara Francesca Cirillo.  Sciolè regista e attore di teatro e di cinema da circa trenta anni agisce principalmente nella ricerca di nuovi linguaggi. A Gennaio gli è stata dedicata una retrospettiva al Macro Asilo di Roma ed ha partecipato al festival 'The Lift-Off Sessions' (UK). Il suo monologo 'Occhi cavi' parteciperà per tutto il 2019 all'evento 'Teatro In Provincia'.

AIMAGAZINEBOOKS è la piattaforma editoriale diretta da Christina Magnanelli Weitensfelder che punta principalmente a pubblicare edizioni di qualità e pregio in edizione limitata, due le sedi, una in Italia e l’altra negli USA. A Gennaio 2019 è uscito il volume 'LA BEFANA senza… calze' di Giovanna Renzini con illustrazioni del produttore cinematografico di film e animazione Georgi Dimitrov. 

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Flavio Sciolè (1970) agisce nel cinema, nel teatro di ricerca, e nella performance. Ha all’attivo centinaia di opere video proiettate-premiate-segnalate in centinaia di Festival nazionali ed internazionali. Ha pubblicato due volumi di opere teatrali ed è stato pubblicato anche all'estero. Dal 2019 i suoi film sono distribuiti on demand dalla Holy Film (www.holyfilm.com)

Fabio Massimo Franceschelli scrive:” … La parola di Sciolè sembra reificarsi, farsi oggetto da toccare, muovere, soppesare, osservare in tutti i suoi lati, nei suoi più nascosti anfratti, e in tutte le sue possibilità permutative, parola da sezionare per osservarne gli organi interni, parola che diventa Cubo di Rubik girato e rigirato alla ricerca mai soddisfatta di un ordine produttivo, di una semiosi soddisfacente. "

Emanuela Cocco scrive:” …Un dissidio irredimibile, reso da un serrato montaggio di campo e controcampo dialogico, attraversa questi testi di Flavio Sciolè in cui il vero antagonista della relazione resta fuori dal quadro, sommerso nello spazio bianco tra le battute di personaggi, vago, e per questo ancora più disturbante, come la promessa di una minaccia che potrebbe diventare azione, o forse no."

cartmagnifiercrossmenucross-circle linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram